Follow:

Dreams Into Plans: Lara

[ITALIAN VERSION BELOW // VERSIONE ITALIANA SOTTO]

The project about interviewing people who managed to make their dreams come true is continuing! This time I had the pleasure to interview Lara, a young woman who is now doing what she has always loved the most…well, I’ll let her tell you more about it! 😉

Hi everyone, I’m Lara, I love writing and being in places where things happen, that’s why I’ve chosen to be a journalist. After having spent 8 years in the Venetian journalism environment, from writing in newspapers to being in local TV, I have thrown myself in a more international scene. In 2015 I’ve lived in Tirana, Albania, where I have been working for Agon Channel TV and now, since February 2016, I live in Amsterdam where I’m ad-agon-channelworking for  Zoomin.tv (www.zoomin.tv), a web tv worldwide-spreaded with a team of 200 journalists coming from any part of the world that meet every morning in the same Dutch office. Moreover, since 2014, I’m collaborating with La Voce di New York (The Voice of NY) (www.lavocedinewyork.com) an american web journal which actually acted as my real launching pad.

– Which is the dream/s you had since a long time (specify how much if you want) that actually became reality?

I can really say that my dreams can’t find in just one drawer but my biggest dream, the aim that I had since when I started studying was working abroad as a journalist. I would have loved becoming a news correspondent abroad, a role  which, just many years after identifying my dream I understood, it’s given to journalists with a lot of experience and it’s becoming always more rare. In 2014 something amazing happened, which I would have never predict. During a trip to NY with friends, I attended an interview at  La Voce di New York, localised inside the Onu glass building. I became a collaborator for the Italian community living in the US. At that point, I was nearly there, nearly reaching my dream. I lived it,since I could write with total freedom, following Kermesse which I love since when I was a little girl, like the Sanremo Festival (a very renovate Italian singing contest) or like the Cinema Festival in Venice. But, there was still something missing: living abroad doing my job, the one which I studied for. Now, from 10 months I am really doing it, unifying many competences together which I managed to have during the previous years, not only journalism but also entertainment. And yes, it’s a wonderful feeling.

 -Did you follow any sort of plan (like setting goals, asking for help…) in order to achieve it/them?

If I had to say what mostly helped me during my journey I’d say my mentors, those people who, when you less expect it, turn on a street light and make clear the short-term steps you actually can achieve. My granny Germana, who, when I was 6, told me that due to the fact that I talked too much when I’d been a grown up I definitely had to become a lawyer or a journalist; a middle-school teacher during an oral exam asked me to make her a intervistandocoelho-1promise, to enrol in a classical-literature high school, when, at the time, I still thought this kind of high school was just for nerds; another teacher during high school who asked me to make him another promise,to become a journalist. My first directors: my very first director, when I was working for a monthly musical magazine, who hired me in the press sector, the first one who believed in me and made me conduct an television journal, the director and the news editor of La Voce di New York which helped me get rid off the rigid writing I had during that period and now, my current boss, who yes, I just one year older than me, but she’s in every way one of my mentors, who always enlightens me and asks me “are you talented for doing this?” and offers me new opportunities to continue my journey.

I do have goals, but they function mostly as general theorical gudelines. For the rest, all I had to do is finding the right people and situations, and saying yes.

-How did you feel when you realised you were actually living your dream?

Dreams are like chips bags when you’re on a diet: you think everything will change when you’ll finally manage to enjoy it, when tasting the crunchiness of the first chip, the world will look more beautiful, more tasty. But then after eating the first one, you want another one. When this one is finished, you want a third one, and the mechanism continues. Dreams help you living, identifying goals, they are the gasoline, that, from my point of view, make me wanna woke up in the morning. But I always feel not to have fully achieved them. There’s always something more you can do, a corner to round, a new path to undertake. It’s not called hyperactivity, it’s called Personal Legend. I think being ambitious is one of my worst glitch. But I do believe that it’s also one of my best qualities. For now, I still feel I am called to be something more, a bigger vocation. Which one? I do not now it either. So, let’s talk about this in a few years 🙂

-Which was the toughest part during the journey to make this/these dream/s come true?

In reality, dreams have a really high price to pay. When I was dreaming about becoming a journalist abroad I never thought about the melancholy I would have had, of home, of friends who unavoidably you leave behind, of my family, of my routine, of the previous life I had in Italy where everything was easy, cushy and simple to reach. The toughest moment has been when I arrived in Amsterdam in February: an unusual cold, an unusual loneliness which I luckily managed to overcome thinking about the joy I had about my dream becoming true.

-Which is one suggestion you would give to anyone who has a dream like yours and would like to make it true?

Believe in it and jump, never have fear. The courage will pay off. I don’t really like rash decisions, portraying yourself in something without calculating everything, but I strongly believe in instinct. Ans if your instinct tells you that it’s the right journey for you, go and do that!

You can follow Lara:
On Instagram: https://www.instagram.com/lara_lake/
On Facebook: https://www.facebook.com/lara.lago
On Twitter: https://twitter.com/LaraLago_twitta

————————— VERSIONE IN ITALIANO —————————

Il mio progetto di intervistare persone che sono riuscite a trasformare i loro sogni in realtà continua! Questa volta ho avuto il piacere di internvistare Lara, una giovane donna che vive facendo ciò che ha sempre amato fare… lascio a lei dirvi tutto 🙂

Ciao a tutti, mi chiamo Lara, amo scrivere ed essere nei luoghi dove le cose accadono, per questo ho scelto di essere una giornalista. Dopo 8 anni passati nella stampa veneta, tra carta stampata e televisioni locali, ho provato a lanciarmi in una scena un pò più internazionale. Nel 2015 ho vissuto a Tirana, in Albania, dove ho lavorato per la tv Agon Channel e da febbraio di quest’anno vivo ad Amsterdam dove lavoro per Zoomin.tv (www.zoomin.tv) una tv web diffusa in tutto il mondo con un team di 200 giornalisti provenienti da ogni dove che si danno appuntamento ogni mattina nello stesso grande ufficio olandese. Dal 2014 inoltre collaboro con La Voce di New York (www.lavocedinewyork.com) un giornale web americano che è stato forse il mio vero e proprio trampolino di lancio.

-Qual’è il sogno nel cassetto che hai sempre avuto e che è diventato realtà? 

Posso dire che i miei sogni in un cassetto non ci starebbero ma il mio grande sogno, l’obiettivo che mi ero posta dall’inizio del mio percorso di studi era quello di fare la giornalista all’estero. Avrei voluto diventare una corrispondente estera, un incarico che, l’ho capito solo molti anni dopo aver formulato il desiderio, viene riservato a giornalisti con molti anni di esperienza e sta diventando sempre più raro. Nel 2014 è successa una cosa bellissima che non mi sarei mai aspettata. Durante un viaggio con amici a New York ho sostenuto un colloquio per la redazione de La Voce di New York all’interno del Palazzo di vetro dell’Onu. Sono diventata una loro collaboratrice, corrispondente estera al contrario, scrivevo dall’Italia per la comunità italiana che vive in America. C’ero quasi, mi stavo avvicinando al mio sogno. L’ho vissuto, potendo scrivere in modo assolutamente libero, seguendo kermesse che amo da quando sono bambina, come il Festival di Sanremo o la Mostra del cinema di Venezia. Ma mancava ancora un pezzet12373340_10208280782927493_6647763914985289290_n.jpgtino: vivere all’estero facendo il mio mestiere, quello per cui ho studiato. Ora da 10 mesi lo sto facendo, unendo tante competenze diverse che ho messo in saccoccia in questi anni, non solo giornalismo ma anche intrattenimento. E sì, è una bellissima sensazione.

-Hai seguito una sorta di piano (ad esempio fissandoti obiettivi o chiedendo aiuto…) per realizzarlo?

Se dovessi dire cosa mi ha aiutato maggiormente nel mio percorso risponderei i mentori, quelle persone che, quando meno te lo aspetti, ti accendono un lampione sulla strada e ti illuminano i passi da fare nel breve termine.

Mia nonna Germana, che quando avevo 6 anni mi disse che, visto chiacchieravo troppo, da grande avrei dovuto fare l’avvocato o la giornalista; una professoressa delle scuole medie che durante un’interrogazione mi chiese di farle una promessa e iscrivermi al liceo classico, quando io ancora pensavo che al classico ci andassero solo i secchioni; un professore alle scuole superiori che mi chiese di fargli una promessa e diventare una giornalista. I miei primi direttori: il primo direttore di un mensile di musica, il primo caporedattore che mi ha assunto nella carta stampata, il primo direttore che ha creduto in me e mi ha mandato in onda alla conduzione del tg, direttore e caporedattrice de La Voce di New York che mi hanno spogliato della rigidità che aveva incancrenito in un periodo la mia scrittura e adesso la mia attuale capa, che ha solo un anno più di me ma sì, è a tutti gli 1929779_10208280783007495_2010402222257891360_n.jpgeffetti una mia mentore, che illumina e mi dice ‘Tu sei portata per fare questo?, e propone e mi fa fare e il percorso continua. Io degli obiettivi ma sono delle linee teoriche generali. Per il resto tutto quello che ho dovuto fare è stato cercare le giuste persone e situazioni e poi dire sì.  

-Come ti sei sentita quando hai preso coscienza del fatto che stavi veramente vivendo il tuo sogno?

I sogni sono come un sacchetto di patatine di busta quando sei in dieta: pensi che tutto cambierà quando potrai finalmente gustarlo, sentire la croccantezza della prima patatina, il mondo ti sembrerà più bello, più gustoso. Poi invece mangi la prima e ti viene voglia della seconda. Finita la seconda vuoi la terza e così via. I sogni aiutano a vivere, dettano obiettivi, sono il carburante che, per quanto mi riguarda, mi fa alzare al mattino. Ma sento sempre di non averli mai raggiunti in pieno. C’è sempre qualcosa in più che si può fare, un angolo da smussare, un nuovo percorso da intraprendere. Non si chiama iperattività, si chiama Leggenda Personale. Credo che l’essere ambiziosa sia uno dei miei peggior difetti. Ma credo anche che l’essere ambiziosa sia uno dei miei migliori pregi. Per ora mi sento ancora chiamata a qualcosa di più, ad una vocazione più grande. Quale? Non lo so nemmeno io. Quindi meglio se ne riparliamo tra qualche anno 🙂

-Qual’è stata la parte più difficile del percorso per far diventare il tuo sogno realtà?

I sogni in verità hanno un prezzo molto alto da pagare. Quando sognavo di fare la giornalista all’estero non ho mai pensato per un attimo alla nostalgia che avrei avuto di casa, degli amici che inevitabilmente lasci indietro, dei parenti, della quotidianità, della vita precedente che vivevi in Italia dove tutto era facile, comodo e a portata di mano. Il momento più difficile per me è stato l’arrivo ad Amsterdam, lo scorso febbraio: un freddo a cui non ero abituata, una solitudine a cui non ero abituata che però per fortuna non sono riusciti a coprire la gioia di avercela finalmente fatta.

-Quale suggerimento daresti a chiunque vorrebbe realizzare un sogno come quello che avevi tu?

Crederci e saltare, non avere paura mai. Il coraggio paga. Non amo le scelte avventate, il buttarsi a capofitto in qualcosa senza ponderare il tutto, ma credo moltissimo all’istinto. E se il tuo istinto ti dice che il sentiero è quello giusto, vai e colpisci!

Avrai dubbi, perplessità, necessità nuove. Ma ci saranno mentori come lampioni e piccoli traguardi ad illuminare la via. Consapevoli che la via non finisce mai.


Potete seguire Lara su:
Instagram: https://www.instagram.com/lara_lake/
Facebook: https://www.facebook.com/lara.lago
Twitter: https://twitter.com/LaraLago_twitta

 

FOLLOW ME ON

Pinterest | Facebook | Instagram | Youtube | Bloglovin

Share on
Previous Post Next Post

You may also like

8 Comments

  • Reply Debbie

    This is beautiful, Lisa! Very inspiring … especially to believe in ourselves & take support from our mentors. Blessings and love to you and to Lara <3 Debbie

    20/12/2016 at 6:18
  • Reply ada

    This is amazing ! So inspiring ! I hope we can all manage follow our dreams just like Lara !

    21/12/2016 at 21:27
  • Reply Kathryn | Fashionably Frank

    This is such a cool series idea! Keep up the great work 🙂

    xo Kathryn
    http://www.fashionablyfrank.com

    22/12/2016 at 2:52
  • Reply Nicole

    Questa intervista è un’ispirazione per me! Grazie per condividerla. 🙂 Mi piace questo consiglio: “Crederci e saltare, non avere paura mai. Il coraggio paga.”

    22/12/2016 at 22:13
  • Leave a Reply

    18 + 17 =